«Ne è valsa la pena.» Edgar Schillinger, direttore di produzione, e Isabel Grieshaber, amministratrice, guardano con soddisfazione all'ampio atrio in vetro e acciaio dell'ultimo della serie di edifici di VEGA sparsi in tutto il mondo. È stato completato lo scorso novembre nella città indiana di Pune. Il nuovo edificio solido e moderno che ospita la società affiliata, porta inequivocabilmente la firma degli architetti tedeschi che lo hanno realizzato nella metropoli industriale dell'India occidentale. L'intensa collaborazione con la casa madre tedesca ha reso possibile il suo completamento entro gli stretti termini previsti. «La mia presenza regolare in loco è stata importante soprattutto nella fase finale dei lavori di costruzione. Il nuovo edificio che ospita la produzione e gli uffici è senz'altro paragonabile alla nostra sede di Schiltach», spiega Schillinger.  

Tempistica perfetta 
Si dice che in India gli orologi scandiscano il tempo con un ritmo diverso. Ebbene, dopo un'intensa fase costruttiva di soli dodici mesi, l'edificio di Pune, 181 Village-Phulgon, è stato inaugurato puntualmente con una solenne cerimonia ufficiale. L'arredamento, le postazioni di lavoro e le decorazioni delle pareti sono made in Germany. In occasione dell'inaugurazione, i locali sono stati addobbati con baldacchini e opulenti tappeti e ghirlande di fiori e l'abbigliamento elegante dei presenti ha contribuito a creare un'atmosfera solenne. A dominare sono stati i colori giallo, arancione e rosso. Un centinaio di ospiti invitati per l'occasione, tra cui la direzione e numerosi manager della sede principale di Schiltach, insigni rappresentanti delle autorità regionali e del mondo politico, numerosi clienti e colleghi indiani vecchi e nuovi, si sono complimentati nel corso della cerimonia. 

Per l'Asia, dall'Asia
Ormai da tempo l'India, paese asiatico al secondo posto per crescita economica, oltre ad attirare investitori da tutto il mondo, è diventata anche un importante mercato di acquirenti. A livello di produzione e montaggio VEGA punta sulla tecnica di misura richiesta sul mercato locale. La sicurezza e l'affidabilità acquistano sempre più importanza, per cui, accanto ai sensori radar VEGAPULS a 80 GHz, ad avere priorità sono anche i sensori radar ad onda guidata VEGAFLEX. La succursale realizzerà soluzioni su misura per l'industria indiana e allo stesso tempo concretizzerà un obiettivo strategico dell'impresa. Soluzioni innovative: per l'Asia, dall'Asia. «Desideriamo soddisfare al meglio le esigenze della regione, anche per assicurare il nostro futuro», sottolinea l'amministratrice Isabel Grieshaber nel suo discorso ufficiale di benvenuto. Pune, oltre che per l'industria automobilistica, è un centro importante per i settori del petrolio, del gas e dell'acciaio, tutti soggetti a severe normative di sicurezza lungo l'intera catena di creazione del valore. 

Crescere, ma con discernimento 
Isabel Grieshaber, amministratrice di VEGA, ribadisce l'obiettivo di crescita oculata perseguito dall'azienda con una duplice prospettiva: «Vogliamo capire meglio i nostri clienti in loco. Con la nuova sede possiamo ascoltare e allo stesso tempo trasmettere i nostri valori. Qualità e affidabilità sono obiettivi perseguiti da VEGA in ogni parte del mondo». Anche il progetto edilizio incarna il principio dell'oculatezza e della sostenibilità. VEGA India non vuole né esaltare, né sminuire, bensì esprimere sobrietà e misura. Ciò non toglie che l'edificio sia dotato di un notevole potenziale di crescita. Quasi ogni reparto, dalla produzione all'amministrazione, fino alla distribuzione, può essere ampliato raddoppiando il numero di posti di lavoro. Non mancano quindi il potenziale e gli spazi di manovra necessari per tenere il passo anche in futuro con la dinamica attuale.