Chiudere

VEGABAR, VEGAWELL, VEGADIF: misura di livello idrostatica

Nella misura di livello idrostatica la cella di misura del trasduttore di pressione rileva anche le minime variazioni della pressione idrostatica che aumenta o diminuisce in funzione del livello. La pressione che agisce viene convertita in un segnale elettrico e poi in un segnale d’uscita dall’elettronica integrata. Nella misura di livello idrostatica si impiegano diverse celle di misura.

I vantaggi

  • La misura di livello idrostatica non è influenzata dalla formazione di schiuma o da installazioni interne al serbatoio 
  • Le celle di misura ceramica offrono un’eccellente stabilità di deriva di zero e un’elevata resistenza al sovraccarico
  • Le celle di misura metalliche coprono anche campi di misura molto ampi

Passo dopo passo verso il sensore ottimale

Cosa desiderate misurare?

{{selection.Description}}

Prodotti
Function
Applications

VEGABAR 81

Con sistema di separazione, per temperature elevate

Dettagli prodotto

VEGABAR 82

Il multitalento con cella di misura in ceramica

Dettagli prodotto

VEGABAR 83

con cella di misura metallica, per pressioni elevate

Dettagli prodotto

VEGABAR 86

con cella di misura ceramica

Dettagli prodotto

VEGABAR 87

con cella di misura metallica

Dettagli prodotto

VEGADIF 85

con membrana di misura metallica

Dettagli prodotto

VEGAWELL 52

con cella di misura ceramica

Dettagli prodotto

Come funziona la misura di livello idrostatica?

La cella di misura immersa nel liquido misura il livello attraverso la pressione idrostatica.

La pressione idrostatica dipende dalla massa del liquido, pertanto aumenta proporzionalmente al livello. Quindi, quanto più elevata è la pressione idrostatica misurata, tanto più elevato è il livello del liquido.

Per eseguire la misura, si monta un trasduttore di pressione in un serbatoio, in modo che la cella di misura sia immersa nel liquido. Il trasduttore di pressione sente il battente idrostatico e lo converte nel valore di livello. La correlazione è illustrata dalla seguente equazione:
altezza (livello) = pressione idrostatica / (densità del liquido * accelerazione di gravità).

 

Quali sono i vantaggi della misura di livello idrostatica?  

L'impiego del principio di misura idrostatica nell'industria dei processi ha una lunga tradizione. I sensori di livello idrostatici sono ampiamente collaudati nella prassi e gli utenti di numerosi settori industriali hanno familiarità con il loro impiego. Le sonde di livello effettuano la misura in maniera precisa e affidabile anche in presenza di condizioni difficili, come ad es. schiuma, movimenti del prodotto per effetto di agitatori o installazioni interne. Non è necessario tenere conto delle caratteristiche del prodotto, come la costante dielettrica, e la taratura dello strumento è molto semplice.

La misura di livello idrostatica è un principio di misura elementare nell'automazione dei processi, mentre i sensori diventano sempre più sofisticati. Ora gli utenti hanno la possibilità di selezionare il materiale della cella di misura ottimale per il proprio processo. VEGA offre ad esempio sia celle di misura in ceramica a secco resistenti all'abrasione, sia celle di misura metalliche resistenti agli agenti chimici per la misura affidabile dei più diversi tipi di liquidi.

Quali sono le applicazioni più comuni per la misura di livello con pressione idrostatica?

Per effettuare una misura di livello idrostatica precisa è necessario tener conto del peso specifico del liquido nel serbatoio o nella cisterna e dell'accelerazione di gravità. Pertanto i sensori di livello idrostatici vengono impiegati nelle applicazioni in cui questi valori sono costanti. Si trovano spesso in serbatoi aperti o ventilati in impianti industriali o in canali aperti nel settore del trattamento delle acque e delle acque reflue. Per i serbatoi chiusi è necessaria una seconda misura per rilevare la pressione statica.