Chiudere

Il sensore radar VEGAPULS 64 fornisce dati d'inventario sempre attuali per un processo di imbottigliamento ineccepibile

Una bionda fresca, per favore

Di per sé, per produrre la birra sono necessari solamente quattro ingredienti base: orzo, acqua, luppolo e lievito. Prima però di poter gustare un boccale di questa amata bevanda si deve seguire tutta una serie di procedure particolari.

La South African Breweries (SAB) è uno dei giganti del settore e nel frattempo è una società affiliata di Anheuser-Busch InBev. Nello stabilimento di produzione di Chamdor il gestore cercava una misura di livello ad alta precisione per il suo parco di stoccaggio composto da 30 serbatoi alti circa dodici metri, con un diametro di sei metri. In questi serbatoi si conserva la birra pronta già filtrata prima di essere imbottigliata.

L'intero processo di produzione viene attentamente monitorato, ma si riserva un'attenzione particolare alla fase di trattamento del prodotto finito. Scostamenti anche minimi potrebbero influenzare il sapore o addirittura compromettere la qualità della birra. Perciò l'area viene lavata e sterilizzata regolarmente secondo procedure rigorose e tutti i parametri di processo sono sottoposti a un controllo costante. Anche la temperatura e la pressione vengono impostate con la massima precisione.

Un partner affidabile

La birreria sudafricana collabora con VEGA ormai da otto anni e apprezza l'affidabilità degli strumenti di misura VEGA, 30 dei quali sono installati nello stabilimento di Chamdor (cinque nuovi VEGAPULS 64 e venticinque VEGAPULS 63).

Nello stabilimento della SAB (South African Breweries) a Chamdor cinque sensori VEGAPULS 64 e venticinque sensori VEGAPULS 63 misurano continuamente il livello.

La SAB era soddisfatta della soluzione di misura impiegata nei serbatoi: su ciascuno era installato un VEGAPULS 63, un sensore radar per la misura continua di livello su liquidi che lavorava in maniera molto affidabile. Il sistema di antenna incapsulato protegge dalla contaminazione e assicura un funzionamento ininterrotto ed esente da manutenzione. Il montaggio affacciato consente una pulizia ottimale in qualsiasi momento. Impiegando una misura continua di livello si risparmiano i costi di un secondo strumento di misura, dell'installazione per la seconda apertura nel serbatoio, nonché del cablaggio. Nei serbatoi dello stabilimento di Chamdor, l'aggiunta di anidride carbonica determinava la creazione di segnali di disturbo che venivano eliminati aritmeticamente, garantendo in questo modo una misura corretta.

Test superato con successo

Per le esecuzioni filettate del VEGAPULS 64 sono disponibili adeguati adattatori, per es. raccordi Clamp.

Dopo il lancio sul mercato del VEGAPULS 64, i gestori decisero che valeva la pena di verificare se il nuovo sensore fosse in grado di rilevare direttamente il livello. L'installazione a titolo sperimentale non rappresentava infatti un problema, poiché la sostituzione del sensore poteva avvenire semplicemente nel corso dell'esercizio senza correre alcun rischio.

I tronchetti non smantellati spesso creano segnali di disturbo, ma il raggio di misura stretto del nuovo sensore passa semplicemente accanto al bordo del tronchetto evitando l'ostacolo. Per un funzionamento sicuro dello strumento di misura non è quindi stato necessario modificare il tronchetto. Questo è particolarmente interessante per le applicazioni nell'industria farmaceutica e alimentare, poiché in questi settori normalmente gli impianti vengono certificati come sistema complessivo e non sono ammesse successive modifiche costruttive del punto di misura. Il VEGAPULS 64 dispone di un attacco per l'antenna ineccepibile sotto il profilo igienico ed è predisposto per il montaggio affacciato. Quest'ultimo, insieme all'impiego del teflon nella versione standard, costituisce un ulteriore vantaggio del sensore di livello radar, poiché rende il sensore insensibile alle forti oscillazioni di temperatura legate ai processi di pulizia.

Il VEGAPULS 64 dispone di un attacco per l'antenna ineccepibile sotto il profilo igienico ed è predisposto per il montaggio affacciato.

Focalizzazione precisa e dinamica elevata

Dopo l'installazione e il setup, lo strumento ha subito funzionato perfettamente. La frequenza del segnale di 80 GHz consente di ottenere una focalizzazione precisa e un ampio campo dinamico.

Grazie al design a misura d'utente e al sistema di calibrazione standardizzato, è stato possibile installare e mettere in servizio rapidamente il VEGAPULS 64. Da allora il sensore esegue la misura in maniera precisa e affidabile.


Commenti ({{comments.length}})

Questo articolo non ha ancora commenti. Scrivete il primo adesso!

{{getCommentAuthor(comment, "Anonimo")}} ({{comment.timestamp | date : "dd.MM.yyyy HH:mm" }})

{{comment.comment}}


Scrivi un commento

Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio Indirizzo e-mail non valido
Questo campo è obbligatorio
captcha
Questo campo è obbligatorio
Captcha non valido untranslated: 'Blog_SendComment_Error'